Erice magnifico borgo medievale

Cosa visitare ad Erice

erice castello

Se amate i vasti panorami, le stradine acciottolate e i borghi medievali, Erice è il luogo da visitare senza alcun dubbio.

Arroccata sulla cima del monte omonimo, proprio sopra TrapaniErice ha trattenuto le atmosfere di una volta ed è stupenda in ogni stagione: vi potrete refrigerare durante la calura estiva o immergervi nella magica atmosfera invernale con i suoi presepi.

Un giorno sarà comunque sufficiente per visitarla ma anche per innamorarvene! 

8 cose da vedere +1 da fare a Erice

erice panorama dal castello di venere
  1. Il Castello di Erice ( o Castello di Venere) fu edificato dai Normanni sul luogo dove precedentemente sorgeva il tempio di Venere Ericina. Del periodo medievale non è rimasto sfortunatamente molto ma la vista che si gode da quassù è impareggiabile.
  2. Giardini del Balio di originale gusto inglese, creato a metà del 19 secolo per volere del conte Agostino Pepoli.
  3. La Chiesa Matrice costruita durante il regno di Federico III d’Aragona nel 1314. La facciata è in stile gotico chiaramontano e presenta all’ingresso un portico, aggiunto nel XVI secolo, dove rimanevano i penitenti che non potevano entrare all’interno della chiesa.
  4. La Torre Campanaria si trova di fronte la Chiesa Madre. Imponente e con merlature in cima, era probabilmente una torre di vedetta in epoca punica solo successivamente convertita a campanile per volontà del Re Federico III. E’ costituita da una base quadrata, alta 28 metri e si sviluppa in 3 piani, ognuna dei quali caratterizzato da monofore e bifore in stile gotico chiaramontano.
  5. Le Mura Ciclopiche (o Elimo-Puniche) sono visitabili lungo il tratto in via dell’ Addolorata, da Porta Carmine a Porta Spada. Erano le antiche mura che proteggevano la città e risalgono al VIII secolo a.C.. Costruite dagli Elimi, successivamente vennero fortificate dai Punici, per poi essere terminate dai Normanni che aggiunsero Porta Trapani, Porta Spada e Porta Carmine.
  6. La Torretta Pepoli , casina in stile moresco, fu edificata e adibita a luogo di studio personale per desiderio del Conte Agostino Pepoli, studioso ed archeologo volle riservarsi un posto privilegiato dove potersi rifugiare per i suoi studi.
  7. Il Museo Archeologico “Antonio Cordici” conserva una raccolta di reperti archeologici preistorici, di età punica, greca e romana, opere ritrovate nell’agro ericino o lasciti di importanti famiglie come Ernandez e Chiaramonte. E’ diviso nelle sezioni archeologica, arti decorative, armi, dipinti e sculture e arte contemporanea.
  8. Il Quartiere spagnolo è uno stabile militare, mai ultimato, del 17 secolo, nato per ospitare i soldati spagnoli di presidio ad Erice.
  9. Gustare i suoi tipici dolci! Genovesi, bocconcini di cedro, di zuccata, di pasta reale, di zibibbo, i guelfi bianchi o neri..! Non avete che da scegliere, se ci riuscite ovviamente.
duomo erice borgo medievale
credits: g. giambalvo

Come arrivare muoversi a Erice

Erice è un delizioso piccolo borgo dove camminare, magari assaggiando una genovese, e rilassarsi, perfetto per una passeggiata.

Dal centro storico di Trapani prendete il bus urbano ATM (numeri 21 o 23 per i giorni feriali, 201 o 202 la domenica e i festivi) e scendete alla fermata “funivia”. La funivia è panoramica e vi porterà in 10 minuti a Erice vetta.

Se invece preferite prendere il pullman potete consultare gli orari della compagnia extraurbana AST.

Siete con la vostra auto? Arrivate in vetta e parcheggiate in uno dei parcheggi a pagamento attorno al centro urbano come quello sotto Porta Trapani.

Se state girando la Sicilia in camper c’è un’area di sosta in Viale Porta Spada.

Condividi con

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *